Search:
Milano Sanremo - Sito ufficiale | Storia
120
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-120,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.9, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_right,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,paspartu_header_set_inside,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Storia

La Milano-Sanremo nasce nel lontano 1906 dall’intuizione di un gruppo di pionieristici “gentlemen drivers” dell’epoca, che volevano dare l’opportunità ai primi facoltosi appassionati di cimentarsi in quella che allora si poteva definire un’ardimentosa passeggiata verso il mare ed i colori primaverili della Riviera ligure.

Sarà però agli albori degli anni ’30 che la competizione vivrà il suo massimo splendore, prima

della forzata sospensione durante il secondo conflitto mondiale, che però non le impedirà di ritrovare l’antico splendore già a partire dal 1948, grazie anche al sempre più numeroso corollario di pubblico che in quegli anni faceva da seguito alla gara.

Grazie al suo format praticamente invariato nel corso degli anni, la Milano-Sanremo diviene un punto di riferimento anche per un numero sempre maggiore di equipaggi stranieri segnalandosi, altresì, anche per la cospicua partecipazione femminile che porterà addirittura alla costituzione di un’apposita “Coppa delle Dame”.

Interrotta definitivamente nel 1973, a seguito della crisi petrolifera, rivedrà la luce nel 2003 in veste di rievocazione storica capace di attrarre collezionisti provenienti da tutto il mondo e desiderosi di cimentarsi sulle celebri strade che dal capoluogo lombardo portano alla città dei fiori.

Dopo ben nove rievocazioni storiche, nel 2011 (con un totale di oltre 200 equipaggi partecipanti) il percorso della Milano-Sanremo s’interrompe sino ai giorni nostri quando un gruppo di professionisti con esperienze nel campo del marketing, della comunicazione e degli eventi decide, sotto l’ombrello dell’agenzia Equipe International, di rilevarne il marchio e creare – al contempo – un nuovo format di eccellenza che sia in grado di rilanciare la manifestazione e attrarre nuovi investitori e concorrenti.